Il contitolare della I.CO.P. Piero Petrucco, da novembre scorso anche vicepresidente della Federazione Europea dell’Industria delle Costruzioni (FIEC) con le deleghe alla competitività e alla sostenibilità, illustra le diverse modalità con cui il mondo delle costruzioni può adottare un approccio sostenibile; convinto che il Green Deal voluto dalla presidente della Commissione Europea possa aiutare non solo l’ambiente ma anche la crescita del comparto edilizio. Un primo aspetto è quello della riqualificazione energetica, che può portare a grandi risultati nella riduzione delle emissioni di Co2. Un secondo aspetto è invece legato al modo in cui si costruisce e ai macchinari che si utilizzano: per essere competitivi e per attrarre investitori internazionali verso il finanziamento di grandi opere edili è necessario avere un approccio sostenibile. Un ultimo aspetto considera il riuso e il riciclo di materiali edili. Va inoltre affrontato il grande problema del consumo del suolo: bisognerebbe incentivare il più possibile il riutilizzo delle aree dismesse per le nuove costruzioni, puntando ad abbattere immobili privi di valore storico-architettonico, a bonificare la zona e a sostituirli con parchi urbani, boschi o prati che restituiscano spazio alla natura con un impatto positivo sia sull’ambiente, sia sul consumo di suolo.