Dopo essere stato uno dei primi gruppi italiani a sviluppare le tecnologie trenchless, che riducono o addirittura eliminano la necessità di scavi in superficie e rappresentano pertanto tecnologie a basso o bassissimo impatto ambientale, il gruppo I.CO.P. sta proseguendo nello studio e nell’applicazione di tecnologie innovative che vanno dalla costruzione di barriere impermeabili per il contenimento di siti inquinati a interventi speciali di miscelazione in situ, capaci di offrire nuove soluzioni anche alla gestione dei sedimenti e del materiale di risulta proveniente dalle attività di scavo (vedi articolo Gestione dei sedimenti tra innovazione e rispetto per l’ambiente, Eco, Anno 3, Numero 9, maggio-giugno 2010).

A tecnologie ormai classiche, quali diaframmi plastici con telo e non, diaframmi con idrofresa, csm, ecc., vanno ad aggiungersi tecnologie all’avanguardia come per esempio il sistema ALLU®.