In seguito al terremoto che ha colpito l’Abruzzo nell’aprile 2009, nel maggio 2009, I.CO.P. S.p.A., il Centro Europeo di Formazione e Ricerca in Ingegneria Sismica – EUCENTRE (ente no-profit e centro di competenza del dipartimento delle protezione civile ) e la ditta Damiani Costruzioni Srl hanno costituito il Consorzio Forcase.
Il Consorzio, senza fini di lucro (no-profit), ha avuto come scopo il coordinamento della realizzazione delle abitazioni per le popolazioni colpite dal sisma.

A seguito del decreto legge varato dal Consiglio dei Ministri il 23 aprile 2009, ha presentato il Piano C.a.s.e.: Complessi Antisismici Sostenibili Ecocompatibili. L’obiettivo del progetto è stato quello di realizzare abitazioni per 18.000 persone entro febbraio 2010, con quelle per le prime 3.000 pronte già entro il mese di settembre 2009. In meno di un anno dalla data del sisma sono stati costruiti 184 edifici rispetto ai 150 inizialmente previsti.

Il progetto architettonico dell’unità piastra ha contemplato lo sviluppo di diversi tipi abitativi, in funzione della composizione dei nuclei familiari, poi sviluppata in 109 diversi tipi di appartamento. Le abitazioni hanno caratteristiche qualitative confrontabili con l’edilizia definitiva e il livello di sicurezza sismica dei complessi abitativi è molto alto, con prestazioni che prevedano solo danni lievi in caso di evento sismico forte (con periodo di ritorno 1.000 anni).